Riflessioni per Nutrire l'Anima

Spiritualità & Filosofia

Riflessioni per nutrire l’anima: Vedere la realtà con gli occhi di un bambino

2023-04-28 07:45:10

Riuscire a vedere il mondo in cui viviamo con gli occhi di un bambino innocente sarebbe l’esperienza più bella in assoluto.

Sono convinto che dentro di noi alberga un tenero bambino che brama di esprimere i suoi sentimenti.

Eric Berne, psicoanalista di origine canadese elabora dagli anni ’50, una teoria sulla personalità per la comprensione del comportamento umano.

Si tratta dell’Analisi Transazionale.

Secondo questa teoria esiste dentro l’uomo una struttura della personalità che Berne chiama “modello degli stati dell’io”.

In noi esistono tre stati dell’io che interagiscono tra loro.

Lo stato dell’io genitore che sono comportamenti, pensieri, emozioni trasferiti dai nostri genitori.

Lo stato dell’io adulto che ha una posizione centrale e media le informazioni che provengono dal genitore, dal bambino e dall’ambiente circostante.

Per questo è chiamato elaboratore, inoltre essendo collegato al qui e ora esercita l’esame di realtà.

Lo stato dell’io bambino sono i pensieri e le emozioni riproposti dalla nostra infanzia.

Nella dimensione del bambino, Berne parla di un quadrante dove si evidenziano quattro funzionalità:

• Il bambino adattato che considera le regole adeguate anche se faticose e le accetta;

• Il bambino libero che esprime spontaneità, possibilità di dire quello che sente, capacità di adattamento creativo alle regole vigenti;

• Il bambino sottomesso che subisce e non sente di dialogare con gli altri;

• Il bambino ribelle che si oppone ed è in lotta continua, aggressivo.

Le parti positive del bambino sono attivate dalle parte positive del genitore.

Secondo me è importante esprimere in noi il bambino libero.

Purtroppo i traumi che segnano la nostra vita hanno spesso incarcerato il nostro bambino libero.

Attraverso l’ascolto delle nostre profondità con l’ausilio di un agevolatore esperto, possiamo liberarci dalle catene per dare pieno sfogo ai nostri sentimenti migliori.

E’ importante tornare bambini liberi perché così facendo riusciamo a cogliere il Bene che ci circonda.

Ricordo che nel Vangelo Nostro Signore Gesù Cristo  rivolto ai suoi discepoli disse:

lasciate che i bambini vengano a me… se non ritornerete  come bambini non entrerete mai

Gesù alludeva al Paradiso dove, dicono, sia popolato dalle anime delle persone buone in sembianze di fanciulli e fanciulle.

Il bambino libero è mosso da nobili sentimenti, capace di leggere il Bene che si manifesta attraverso i fatti e le circostanze, è capace di amare e si rende amabile.

Il bambino libero guarda con sguardo innocente gli avvenimenti della vita e si sforza di proporre soluzioni di pace nei contesti più intricati.

Il suo animo è lineare, non manipola, lavora per abbattere i muri e generare ponti tra le persone.

E’ capace di vedere nelle persone i lati positivi da attivare e potenziare.

Porta luce dove alberga la notte e la depressione.

Per questo ritengo importante aiutare me stesso e le persone che incontro a contattare il loro bambino interiore nella funzione migliore.

Auguro a tutti di ritrovarsi a giocare tra le onde del mare della vita per assaporare a pieno il dono dell’esistenza.

Un caro saluto.

Antonio

by Antonio Masoch
57  
180